Force India: la sorpresa è un gradino sulla scocca?

Andy Green sulla VIJM07 avrebbe studiato una soluzione per recuperare carico aerodinamico

La Force India cambierà look: quasi certamente avrà anche i colori della Telmex, lo sponsor che porterà il budget di Sergio Perez, il pilota messicano supportato dal magnate Carlos Slim e che affiancherà Nico Hulkenberg nella squadra di Vijai Mallya. Ma le novità importanti non si fermeranno solo all’aspetto estetico: il direttore tecnico del team di Silverstone, Andy Green, ha in serbo qualche sorpresa che farà certamente discutere il paddock nei primi test collettivi in programma a Jerez dal 28 gennaio. La VJM07, infatti, dovrebbe essere una monoposto con un aspetto quanto meno curioso nella scocca. La FIA, infatti, ha deciso di abbassare la parte anteriore della scocca, portando la misura dai 625 mm del 2013 agli attuali 525 mm, imponendo anche che la punta del muso non debba essere più alta di 185 mm dal piano di riferimento. L’obiettivo è duplice: evitare che il “naso” troppo alto possa essere intrusivo in caso di urto laterale e ridurre il passaggio d’aria sotto alla scocca per limitare la portata dei flussi nel diffusore posteriore e, di conseguenza, ridurre il carico aerodinamico. I tecnici della Force India sembra che abbiano cercato di “interpretare” la norma: non ci dovremo stupire, infatti, se vedremo la VIJ07 dotata di uno “scalino” come nel 2012, ma non sul muso, ma direttamente nel telaio. Il motivo? È facilmente intuibile: l’astuto Andy Green avrebbe cercato di scavare la zona inferiore della scocca per accrescere il volume di aria, ma per avere gli ingombri per ospitare il pilota, sarebbe stato costretto ad alzare prima possibile la linea superiore della monoscocca, generando quella che dovrebbe essere una sorta di gobba. La Force India per filosofia ha sempre realizzato vetture caratterizzate da una certa semplicità delle soluzioni, con una buona efficienza aerodinamica che ha permesso ai piloti di ben figurare specie sulle piste veloci, conquistando il sesto posto nella classifica dei Costruttori 2013. La volontà della squadra anglo-indiana è di alzare l’asticella quest’anno puntando alla quinta piazza nella graduatoria dei team. E per sperare di sfidare i top team deve disporre di una macchina competitiva. I tecnici sono molto confidenti: oltre a disporre della power-unit Mercedes, che nel paddock è accreditata come la più potente del lotto, basterà il “gradino” sulla scocca?
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Nico Hulkenberg
Articolo di tipo Ultime notizie